masseria art project maizza 13.4

Viti Alchemiche di Fernando De Filippi

Masseria Art Project a Masseria Maizza

Dal 13.4 al 30.5.2014

Putti, centauri, figure mitologiche volanti e un sole ieratico: le architetture naturali di Fernando De Filippi sono abitate da esseri sorprendenti, sono il territorio entro cui si sviluppa una vita parallela, di danze, leggerezza, mito e, soprattutto, atemporalità.

Le opere presentate in quest’occasione sono state concepite appositamente per questo progetto: di un luogo così sorprendente Fernando non ha voluto imprimere nella sua memoria d’artista le manifestazioni magniloquenti degli uliveti o degli agrumeti, che fanno parte dell’area più florida del grande parco. Ha prediletto invece quelle che ha battezzato Viti alchemiche. Migliaia di foglie, rami sottili tracciati con cura, infiniti segni concepiti con un microscopico pennello su grandi fogli dai contorni sfrangiati e profili mitici che appartengono a epoche artistiche infinitamente lontane e un’aurea atemporale. Le opere che compongono questo intervento site-specific rivelano riferimenti espliciti all’alchimia e a uno stato metafisico di conoscenza che non può non passare attraverso un rapporto simbiotico con il mondo naturale.

 

Fernando De Filippi Leccese di Nascita; durante il suo percorso artistico soggiorna a Parigi ed a lungo a  Milano dove diviene Maestro D’Arte presso il Liceo Artistico di Brera, coprendo successivamente il ruolo di Direttore dell’Accademia di Brera,

Tra le opere pubbliche realizzate, ricordiamo le Fontane Monumentali presso i Giardini Pubblici di Martano (1991), presso la casa circondariale di Lecce (1995) e in Piazza del Mediterraneo a Bari (1997), le Decorazioni Pittoriche della Sala VIP del Teatro Nuovo di Udine (1997), della Capitaneria di Porto di Cagliari (1998) e della Sede Inpdap di Roma (1999), e infine le sculture monumentali del Palazzo di Giustizia di Palermo (2001) e quella di Piazza Repubblica a Tortolì (Nuoro). Vive e lavora Tra Milano & Lecce